Capitolo 6 – La Sopravvivenza della Desposyni

LA SOPRAVVIVENZA DELLA DESPOSYNI

1. La storia non è credibile senza prove che i Desposyni siano effettivamente esistiti e che siano effettivamente sopravvissuti.

2. Lo storico Giulio Africano (/Julius Africanus), vissuto tra il 160 d.C. e il 240 d.C., le cui opere furono in gran parte bruciate dai Cristiani molto tempo fa, viene citato da Eusebio di Cesarea (275-339 dopo Cristo) dello stesso periodo per avere scritto:

3. “Erode, che non aveva una goccia di sangue israelita nelle vene, si preoccupò del fatto che fosse tramandata memoria delle sue effettive origini, e decise di distruggere i registri delle famiglie… I più previdenti tra i membri di tali famiglie conservarono di nascosto i propri registri, avendo trascritto i dati o avendoli altrimenti recuperati dalle copie esistenti, e preservarono orgogliosamente la memoria della propria origine aristocratica. Questi ultimi includevano i personaggi a noi noti come Desposyni, così definiti a causa della loro parentela con la famiglia del Salvatore”.

4. Un’altra citazione di Eusebio risulta ancora più esplicita: “Sopravvissero, della famiglia del Signore, i nipoti di Giuda, che fu suo fratello, in base a ciò che è noto. Questi resero noto di essere della linea di Davide e furono portati dinanzi a Domiziano Cesare (Imperatore)… Domiziano chiese loro se fossero della stirpe di Davide e loro lo ammisero.”

5. Da entrambe le citazioni si può dedurre che le chiese nazarene e i discendenti di sangue di Gesù, che ancora praticavano la fede nazarena, fossero ancora pienamente operativi almeno fino al III secolo.

6. Esiste una nota leggenda che racconta di come Papa Silvestro, nel 318 d.C., avesse incontrato a Roma una delegazione di otto dei Desposyni, i discendenti di sangue della famiglia di Gesù, e che da essi fossero state avanzate pretese quali: (1) la nomina dei vescovi cristiani di Gerusalemme Antiochia, Efeso e Alessandria avrebbe dovuto essere revocata; (2) tali vescovadi avrebbero dovuto essere invece conferiti ai membri dei Desposyni, discendenti della famiglia di Gesù e della linea di Giuda; (3) le chiese cristiane avrebbero dovuto “rinnovare” l’invio di denaro alla Chiesa dei Desposyni a Gerusalemme, che avrebbe dovuto essere considerata da allora in avanti come la Chiesa Madre.

7. Papa Silvestro respinse le loro richieste, e questo si dice sia stato l’ultimo incontro tra i rappresentanti della Chiesa creata da Paolo (il Cristianesimo) e i rappresentanti della Chiesa creata da Gesù e dai suoi discepoli (Nazareni/Gnostici). Sebbene quest’ultimo sia stato l’ultimo incontro ufficiale tra la vera Chiesa di Gesù e la religione parassitaria di Paolo e dei Sadducei, esistono prove concrete del fatto che la religione dei Nazareni abbia continuato ad esistere per diversi secoli, seppure con denominazioni diverse.

8. Esistono prove risalenti al V secolo d.C., in particolare negli scritti del fanatico cristiano Epiphanius (Epifanio), dell’esistenza effettiva dei Nazareni, che egli definì inesorabilmente come “eretici”.

9. Ovviamente, esiste una prova incredibilmente schiacciante del fatto che il pensiero nazareno/gnostico sopravvisse in Irlanda, anche successivamente all’invasione di Patrizio, fino alla distruzione sistematica, nell’ XI secolo, di ogni elemento che avesse a che fare con la cultura e la storia dell’Irlanda – ovvero il progetto ‘zero’ dei Papi di Roma, orientato a cancellare l’Irlanda dalla faccia della storia e a ridurla ad una colonia di schiavi.

10. Sarebbero inoltre da menzionare i catari del sud della Francia, che continuarono a vivere in base all’esempio e agli insegnamenti dei Nazareni, per essere infine orribilmente e disumanamente torturati ed annientati dalla Chiesa Sadducea della Roma Cristiana.

(fonte: The Desposynoi, Family of Jesus Chapter 6 – The Survival of the Desposyni – Traduzione: Heimskringla)

… continua con il Capitolo 7…

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci la tua email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi post nella tua casella di posta.

Segui assieme ad altri 176 follower

Archivio

Categorie

Blog Stats

  • 311,860 visite
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: