Capitolo 7 – Gli Arci-Nemici dei Sadducei

GLI ARCI-NEMICI DEI SADDUCEI

1. I tradizionali nemici dei Sadducei erano rappresentati dall’effettiva linea dei Sacerdoti Re degli Esseni, che risaliva al grande esodo da Ugarit, avvenuto a partire dal 1240 avanti Cristo, e che in effetti risaliva ancora più indietro all’esodo da Ebla, avvenuto intorno al 2230 avanti Cristo.

2. Dato che ai tempi dell’invasione Assira la maggior parte delle famiglie sacerdotali si era ritirata in Egitto ed aveva eretto il Grande Tempio dell’Isola Elefantina in Egitto, i Sadducei restarono amaramente esposti alla crudeltà e alle vessazioni degli  Assiri.

3. Una volta che Geremia e Baruch riuscirono nell’impresa di creare una nuova mitologia intorno alla figura di Mosè, ebbero a disposizione la propria teologia per contestare le prove storiche e l’origine più antica degli Esseni.

4. Tuttavia, solo ai tempi di Nehemiah (Neemia) agli Esseni fu imposto di sottostare a nuovi riti quali la Pasqua (Passover). Nuovamente, tuttavia, essi rigettarono tali imposizioni quali menzognere, e Nehemiah (Neemia) orchestrò la distruzione del tempio (quello sull’Isola Elefantina in Egitto) che da più lungo tempo era stato dedicato a Dio.

5. Un altro fatto di vitale importanza, che viene deliberatamente nascosto dalla storia, è la lontana e antica origine dei Sadducei. Questi ultimi rappresentavano i discendenti di quella classe di commercianti incredibilmente ricca e con incredibili connessioni politiche che oggi indichiamo come Fenici.

6. La loro residenza spirituale potrebbe essere considerata Gerusalemme, così come la Siria stessa, ed in ogni caso questi personaggi rappresentarono il primo club internazionale impegnato a promuovere il consumismo più estremo ed arrogante. Costruirono per sé stessi residenze estive ed invernali caratterizzate dal lusso più sfrenato. Erano dediti all’importazione di cibo e di vini e di prodotti preziosi da tutto il mondo e conducevano la propria vita come se il domani non esistesse.

7. A parte il fatto di aver rappresentato la prima elite globale impegnata a promuovere il consumo di massa, e a parte il fatto di aver creato dal nulla quell’atteggiamento e quell’attitudine assolutamente egoistica riconducibile al consumo di massa, che notiamo tanto fiorente oggi, è da attribuire a loro inoltre la più brillante di tutte le invenzioni – l’inganno spirituale.

8. L’inganno spirituale è senza ombra di dubbio una delle più ingegnose creazioni del mondo antico, e fu opera dei Sadducei. Essendo soggetti alla continua minaccia legata alla loro stessa distruzione ad opera dei Persiani, e successivamente ad opera dei Greci e dei Romani, principalmente in relazione al culto satanico da essi praticato, i Sadducei adottarono l’apparenza esteriore di santità e di pia devozione tipica dei Farisei e degli Esseni., pur continuando a praticare le proprie sanguinolente cerimonie segrete e conservando il proprio stile sfarzoso.

9. Oggi tale duplicità mentale viene considerata comune, e numerosi potrebbero esserne gli esempi, il più delle volte quelli associabili ai rappresentanti ufficiali della Chiesa Cristiana, principalmente nel corso degli ultimi due secoli.

10. Ma ciò che bisogna tenere a mente è che tale duplicità mentale – quella mirata a mantenere una facciata esteriore di santità, un aspetto assolutamente convincente ispirato alla pia devozione, pur agendo in senso assolutamente opposto nel privato, sacrificando bambini e praticando il cannibalismo – richiedeva una straordinaria e senza precedenti struttura mentale che non aveva in effetti precedenti nel mondo antico.

11. Le persone erano o buone o cattive. Tale inganno fondato sull’utilizzo della religione e della santità come mascheramento per un culto satanico non aveva precedenti storici. Tuttavia, mentre i Sadducei erano impegnati a perfezionare quella assoluta menzogna, quella stessa menzogna si trasformò in un fenomenale strumento di potere, principalmente assicurando una lealtà assoluta da parte di coloro i quali venivano introdotti nell’ambito del circuito più elevato di questo sistema e conseguentemente esposte al fascino di quell’inganno stesso.

12. Un esempio assimilabile potremmo riscontrarlo nel caso in cui si verifichi che i genitori molestino i propri figli mantenendo l’esteriore apparenza di splendidi genitori. L’atto legato al presentarsi come ottimi genitori può spesso contribuire a nascondere la verità ed a forzare la compiacenza da parte da parte di figli o figlie che subiscono abusi per anni.

13. C’è inoltre da aggiungere che i Sadducei scoprirono, a partire dal periodo in cui visse Gesù, che potevano letteralmente agire impunemente, conservando l’apparenza esterna di santità, e continuando a praticare le proprie perverse e abominevoli condotte in privato, in segreto.

14. Anche perché risultava quasi impossibile combattere e sconfiggere personaggi tanto abili nell’arte della duplicità da presentarsi letteralmente con due volti talmente diversi (come il bi-fronte Dio Giano) da essere in grado di argomentare e di difendere sé stessi come personaggi dediti alla sacralità e alla spiritualità pura, pur agendo in maniera assolutamente abominevole nel segreto dei propri templi o della propria residenza.

15. Tramite il Casato di Ananus e Paolo di Tarso, sarebbe stato appunto quello che abbiamo descritto il ‘meraviglioso’ lascito per la razza umana successivamente alla originaria creazione del Cristianesimo.

16. Anche oggi, il lascito Sadduceo, ovvero il male mascherato come bene, nell’ambito della mentalità religiosa, risulta virtualmente impossibile da individuare, o da sconfiggere, fino a quando le prove oggettive di questo lascito vengano scoperte e rese note.

17. Lo ripetiamo, a testimonianza della brillantezza della struttura mentale tipicamente sociopatica dei Sadducei, ogniqualvolta una di tali prove viene finalmente scoperta e resa nota, la condotta che viene scoperta e resa nota tende ad essere isolata come se fosse una colpa del singolo autore di quegli atti, riconducibile all’essere stati vittime di tentazioni e al fatto di essersi dimostrati deboli, mai si fa riferimento esplicito al fatto che si tratti di una caratteristica intrinseca al loro sistema o alla loro cultura.

18. Quindi, fino a quando la cultura creata dagli Alti Sacerdoti Sadducei, quelli che hanno crocifisso Gesù, che hanno eliminato la sua famiglia, che hanno distrutto e soppresso il vero messaggio di Gesù, che hanno soggiogato milioni di “pecore”, che hanno condannato milioni di persone ad un tormento che è quello di anime intrappolate anche nell’oltretomba, non sarà riconosciuta come sistema, tutto continuerà come se niente fosse.

Continua con: 2. Sul Giudaismo…

(fonte: The Arch-Enemy of the Sadducees – Traduzione: Heimskringla)


Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci la tua email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi post nella tua casella di posta.

Segui assieme ad altri 176 follower

Archivio

Categorie

Blog Stats

  • 311,860 visite
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: