Capitolo 6 – Maria, la Madre di Dio

MARIA – ORIGINI

Maria (Giudeo-Aramaico: מרים, Maryam; Ebraico: Miriam; Greco: Μαριαμ or Μαρια; Arabo: Maryam, e chiamata fin dal periodo Medievale Madonna (Mia Signora).

I Cristiani generalmente ritengono che ella fosse vergine al momento del concepimento ed almeno sino alla nascita di Gesù. I Cattolici Romani, gli Ortodossi d’Oriente e le numerose Chiese Orientali Orientali Ortodosse così come alcune denominazioni delle Chiese Protestanti continuano a ritenere che Maria sia restata vergine per tutta la sua vita denunciando e condannando i primi resoconti cristiani che riportavano come fatto storico che ella avesse dato alla luce altri figli.
 
Come risultato, Giacomo, conosciuto fino al Sesto secolo dopo Cristo come il fratello di Gesù e come il suo legittimo successore viene raramente menzionato dalla Chiesa Cattolica, tranne che come figlio presumibilmente avuto da Giuseppe con una seconda famiglia, o come “cugino” in qualche maniera di Gesù stesso.

Il concepimenro di suo figlio Gesù si ritiene sia stato un atto dello Spirito Santo, atto a completare la profezia di Isaia in base alla quale una vergine (o giovane donna) avrebbe dato alla luce un figlio che sarebbe stato chiamato Emanuele (Immanuel – “Dio con noi”).

La Chiesa Cattolica Romana, la Chiesa Cattolica Orientale, e le Chiese Ortodosse Orientali la venerano come la Sempre Vergine Madre di Dio (Theotokos), particolarmente favorita dalla Grazia di Dio (i Cattolici ritengono inoltre che ella fu concepita senza peccato originale) e che completata la sua esistenza terrena, ella sia fisicamente ascesa al Cielo ed in Paradiso.

I titoli più frequenti di Maria includono La Beata Vergine Maria (anche abbreviata “BVM”), Nostra Signora (Notre Dame, Nuestra Senora, Nossa Senhora, Madonna), Madre di Dio e Regina dei Cieli (Regina Coeli) (per il resto verificare le sue attribuzioni nella Litania della Beata Vergine Maria o “Litania Lauretana”).

COME PERSONIFICAZIONE DI CIBELE

Nel Culto Cattolico Romano, la devozione a Maria, in particolare sotto la denominazione “Regina dei Cieli” è un riferimento diretto a Cibele. In questo senso, i fedeli non adorano la Maria descritta nella storia cristiana, ma la Dea Madre del Colle Vaticano.

In altre parti d’Europa, Maria viene adorata come la componente oscura del femminino Mari, anche conosciuta come Mendes.

Il culto dell’Opus Dei è il gruppo più conosciuto degli adoratori di Maria nella sua forma di Mari.

(fonte: “Gods and Goddesses: Mary” – Traduzione: Heimskringla)

… continua con il Capitolo 7…

Annunci

Discussione

Un pensiero su “Capitolo 6 – Maria, la Madre di Dio

  1. Cibele o Diana (o entrambe) erano “necessarie” perché mancava un culto femminile nel “mondo cristiano”; l’adozione “cristiana” di Mari. “Madonna” più specificatamente è Mea Domina. Per il resto: come si fa a partorire un essere rimanendo Vergine?

    Pubblicato da Giuseppe Pantaleo | 7 luglio 2013, 14:38

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Inserisci la tua email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi post nella tua casella di posta.

Segui assieme ad altri 188 follower

Archivio

Categorie

Blog Stats

  • 335,015 visite
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: